L'«Associazione Serenella - Onlus» ha come scopo la solidarietà verso le persone e i bambini in particolare che si trovano in condizione di grande povertà. E' nata per volontà di Giuliano Stenghel "Sten", iniziando con l'adottare qualche bambino in India in ricordo della moglie Serenella, prematuramente scomparsa.

Giuliano coinvolse i suoi amici e conoscenti in questa solidarietà che, col tempo, è diventata una realtà ben più grande delle sue originarie aspettative.

L’Associazione Serenella è riuscita a creare un ponte essenziale fra noi e molte popolazioni povere organizzando importanti iniziative di solidarietà. Un esempio concreto è l’adozione a distanza di bambini orfani o molto poveri che i nostri amici missionari, direttamente impegnati sul luogo, riescono a mantenere soltanto con il nostro aiuto. Ci sono poi altre forme d’aiuto: la costruzione di case, scuole, orfanotrofi, pozzi, acquedotti, il finanziamento di cure ospedaliere o interventi chirurgici, l’invio di medicinali, l’emergenza fame ecc. Chi fa parte di “Serenella” è consapevole di dare e… soltanto continuare semplicemente a “dare”, senza compromessi o ipocrisie, nella certezza di quanto un atto d’amore sia importante per chi lo riceve ma soprattutto per chi lo fa. Per questo motivo l’intero ammontare delle offerte pervenute è sempre destinato a soli scopi benefici (progetti che ci giungono dai missionari), rimanendo quindi a carico dei soci, in modo assolutamente volontario, ogni spesa organizzativa.

Questa frase è stata aggiunta al nostro Statuto per rilevare lo spirito che, da molti anni, ci accomuna: quello di inviare interamente ai poveri le offerte che ci giungono dai tanti benefattori. Tutte le spese della gestione dell'Associazione sono, infatti, sostenute direttamente da alcuni Soci in modo assolutamente volontario. La raccolta di fondi non è prioritaria e neanche lo scopo principale della nostra Associazione: è la logica conseguenza di un messaggio d’amore portato concretamente da tante persone che hanno scelto di unirsi per “far del bene”.