Lettera di A.Piovanelli, Ecuador 6 Apr. 2015

Cari amici di "Serenella"

per augurarvi una santa Pasqua vi mando questa lettera di Adriana dall'Ecuador

tanti auguri

Nicoletta Dalbosco


Cari amici tutti, è Pasqua! Avrei dovuto scrivervi prima, ma... è andata così... stanchezza, lavoro, poco tempo, il rientro... tutto prende! Tutto assorbe! Ho la vita inzuppata di lavoro, di corse, di fatica, di fiatone, di incoerenze, di illusioni, di sogni, di bene, di ragazzi, di ideali, di... vita! Sogno ciò che non riesco a dare, a fare, a regalare, a vivere, a fare mio.., e continuo a insistere nel voler raggiungere questo sogno: il sogno di dare la vita, ma spenderla bene, con allegria, con spensieratezza, con semplice desiderio di "dare"! E FARLO ASSIEME A TUTTI NOI! Ma è poi così brutto diventare vecchi? Sentire che non hai più l'energia di sempre? Avvertire che il tempo, le giornate ti sfuggono via? Che poco riesci a fare? Ma è proprio così insignificante e di poco conto l'età? Me lo chiedo, sorrido, mi guardo dentro e mi dico che ciò che conta è AMARE! Nell'amore c'è la vita, nella vita c'è la speranza! Buona Pasqua! Ad ognuno di voi e a tutti voi! È una festa grande la Santa Pasqua, proprio grande! Ed è dentro nel cuore! Così penso a tutto ciò che fate, e lo fate bene, nel tempo, nella fedeltà, nella gratuità del NON conoscere per tanti di voi la realtà, la povertà di questa gente campesina. Ma c'è questo ideale che ci accomuna e che si chiama... AMORE... alla vita, al povero, amore che nasce da dentro ognuno di noi!


Chao... chao... chao a tutti!


Adriana Piovanelli