Mauro Giovanazzi (Spina) è nato nel 1963 con già la passione dalla montagna nel sangue. A 15 anni risale il primo vero successo: la vetta del Cervino, facendo la traversata da Cervina a Zermatt.

Ha salito tantissime (circa 1000) vie artificiali e classiche delle dolomiti prima e poi le esperienze si sono allargate a tutto l’arco alpino, con la salita alla Nord del Cervino, delle Jorasses ecc.

Alpinista appassionato di tutti i terreni: roccia, ghiaccio, misto, sci.

Dopo essere diventato Guida Alpina nel 1987, il desiderio di conquista e la voglia d'avventura si fanno sempre più forti. Così, nel 1990 ha “coronato” la prima spedizione in Patagonia e la salita al Fitz Roy, per la via Franco Argentina e l'Auguille Poicenot per la via don Willam e un tentativo al Cerro Torre che salirà poi nel 1993.

Nel frattempo, avventura e passione si tramuta in attività professionale, fondando la Scuola d'Alpinismo delle Guide Alpine ad Arco, condivisa nel periodo invernale, con la professione di Maestro di sci alla Scuola "PANAROTTA 2002".

Altre spedizioni in Patagonia aumentano le esperienze, tra tentativi alla parete Sud del Torre e una splendida nuova via alla parete Ovest della punta Herron (Monnalisa).

Ha arrampicato sulle famose pareti del Capitan in California e salito delle bellissime vie in Namibia (Africa) su dei graniti splendidi.

Istruttore Nazionale delle Guide Alpine segue i corsi di formazione professionale.

Esercitava la professione di Guida Alpina e Maestro di sci a tempo pieno con grande soddisfazione personale, proponendo tutte le attività classiche sulle Alpi e, in periodi vari, trekking extraeuropei.

Era appassionato di riprese cinema-tografiche, propone serate di film di montagna e spedizioni effettuate nel mondo che raccontano la sua grande passione.

 

E' morto travolto da una valanga mentre esercitava la sua amata professione di guida alpina.