Giuliano Bressan, alpinista, Istrut-tore Nazionale di Alpinismo, Accademico, Presidente di Commissioni Tecniche, membro del Soccorso Alpino, scrittore.

Giuliano Bressan non ama farsi conoscere attraverso questi ruoli. Per lui una vita dedicata all’alpinismo i rapporti sono, ancora ed esclusivamente, fatti di persone, luoghi, incontri, esperienze, passione. Nato a Padova nel 1948, scopre il mondo della montagna verso i vent’anni grazie alle gite, nelle Dolomiti, con i padri Gesuiti. Inizia ad arrampicare nel 1973, nel periodo del Nuovo Mattino che lo forma come alpinista classico, stile al quale rimane tuttora costantemente fedele. Gli anni che seguono lo vedono impegnato in nuove ascensioni, prime ripetizioni, salite di estrema difficoltà, alcune spedizioni extraeuropee, conciliando la vita di alpinista con quella del lavoro (è impiegato presso il CED di un Istituto di Credito) e della famiglia in cui Anna, la sua compagna, seguendolo nei viaggi e sostenendolo costantemente, diventa co-protagonista silenziosa dei suoi successi.

 

Giuliano Bressan ha al proprio attivo, oltre a più di 800 salite su tutto l’arco alpino, anche svariate spedizioni alpinistiche in paesi extra-europei (America del Sud, Stati Uniti, Africa). Valente fotografo, nelle sue presentazioni sa conciliare l’aspetto sportivo-alpinistico con le componenti paesaggistiche, culturali e sociali che sempre si accompagnano nei suoi viaggi. Per la notevole attività di alto livello svolta, entra nel 1990 a far parte del Club Alpino Accademico Italiano (Gruppo Orientale). In parallelo ed in simbiosi all’attività personale ha dedicato e continua a dedicare molte delle proprie energie nell’ambito dell’insegnamento con la qualifica d’Istruttore Nazionale di Alpinismo. Dal 1999 è alla presidenza della Commissione Centrale Materiali e Tecniche del CAI; fondamentale il suo apporto alla realizzazione di molti manuali per le Scuole di Alpinismo.